I Temi del Tour 2018


Selezionati dal comitato scientifico internazionale, gli argomenti del Tour anticipano le esigenze di formazione professionale nel settore dell’edilizia

Edilizia 4.0, la casa come ‘macchina per abitare’: soluzioni, prodotti e tecnologie innovative per l’architettura e l'ingegneria

La casa come organismo complesso, progettato e costruito su misura per gli abitanti, ma capace di trasformarsi nel tempo per adattarsi ai cambiamenti.

Edilizia 4.0

Oggi l’innovazione non è una scelta ma un imperativo a cui è necessario e urgente adeguarsi. A farlo devono essere imprenditori, progettisti, aziende e Pubbliche Amministrazioni, proponendo soluzioni nuove e al passo con i tempi. Il Governo sta lavorando all’obiettivo con il Piano Industria 4.0 che favorisce sia l’acquisizione di nuove tecnologie innovative (macchine da cantiere efficienti, robot da cantiere, visori per la progettazione virtuale) sia l’alta formazione del personale. Anche se il settore edile è stato interessato in modo più lento dalla digitalizzazione, già diffusa da tempo in altri campi. Oggi le costruzioni si trovano già a ‘dialogare con il futuro’: le case sono sempre più smart e sempre più connesse grazie a sistemi domotici e ai dispositivi connessi alla rete wifi. Il Tour 2018 si soffermerà sulle principali innovazioni esistenti nelle costruzioni e sulle ‘ispirazioni tecnologiche’ che si tramuteranno in realtà nel prossimo futuro.

Illuminazione

Per essere efficienti e smart, le costruzioni devono essere progettate tenendo conto della luce. Molte normative regionali incentivano l’utilizzo della luce naturale e mirano ad un progetto ponderato della luce artificiale, prediligendo le tecnologie LED all’interno degli edifici. Una corretta illuminazione naturale aiuta a ridurre i consumi energetici e i costi di gestione degli immobili, limitando il ricorso alla luce artificiale e al riscaldamento, e diminuendo lo spreco di energia. La normativa nazionale sui requisiti minimi per gli edifici evidenzia l’importanza del risparmio energetico in ogni ambito delle costruzioni. Il Tour 2018 proporrà una panoramica sulla normativa vigente e sulle tecnologie oggi a disposizione per massimizzare l’apporto di luce naturale e sfruttare in modo efficiente l’energia.

Acustica

Proteggersi dal rumore è fondamentale per raggiungere un buon comfort ambientale che influisce sul benessere psicofisico delle persone. Per questa ragione le norme stabiliscono prestazioni minime di isolamento acustico che gli edifici devono avere, a seconda della loro destinazione d’uso (scuole, ospedali, residenze) e della provenienza del rumore (dal solaio, dai muri perimetrali, dal soffitto). Rispetto al contesto, quindi, sarà necessario utilizzare tecnologie fono-isolanti o sistemi di fono-assorbimenti. Nel Tour 2018, dopo aver analizzato il panorama normativo italiano, si approfondiranno i temi legati alla progettazione acustica e alla scelta dei materiali e delle tecnologie migliori per ogni situazione.

Qualità dell’aria negli edifici 

Poiché le fonti inquinanti non sono solo presenti all’esterno delle costruzioni ma anche all’interno, è importante progettare tenendo conto della qualità dell’aria indoor. La presenza di contaminanti negli interni può, infatti, avere un importante impatto sulla salute e sul benessere degli occupanti a causa di esposizioni di lunga durata. Nel Tour 2018 saranno considerati i più comuni inquinanti indoor, le loro cause ma soprattutto le soluzioni esistenti per mitigare o eliminare tali pericoli. Tra le diverse soluzioni verranno analizzate le metodologie per una corretta progettazione degli spazi interni, tenendo conto del verde e della ventilazione meccanica forzata degli ambienti, e le tecnologie esistenti per la purificazione dell’aria.

Progettista 4.0: BIM, progettazione con l'ausilio della realtà virtuale e della realtà aumentata, architettura immersiva

Le sfide che i progettisti dovranno raccogliere per restare competitivi nel mercato e le nuove competenze da acquisire.

Il Building Information Modeling (BIM)

I progettisti sono oggi di fronte ad un epocale cambio di paradigma nella progettazione e nella manutenzione e gestione degli edifici e degli impianti: la modellazione e la gestione informativa dei progetti. I grandi studi internazionali hanno già intrapreso un percorso di riorganizzazione dei propri processi produttivi per rispondere ai nuovi trend della professione, nonché agli obblighi di legge. In Italia il nuovo Codice degli Appalti ha introdotto la progressiva obbligatorietà di metodi e strumenti elettronici di modellazione informativa per l’edilizia e le infrastrutture. Gli Enti locali hanno già iniziato a bandire gare di progettazione che richiedono il BIM e la qualificazione della domanda pubblica inevitabilmente influenzerà positivamente la domanda privata. A supporto delle conoscenze tecniche e professionali che i progettisti stanno acquisendo, il Tour 2018 proporrà casi-studio ed esperienze progettuali che hanno utilizzato il BIM, nonché i migliori strumenti informatici oggi sul mercato per la progettazione basata sul BIM.

La realtà virtuale, la realtà aumentata e l’architettura immersiva

‘Entrare’ in un ambiente ancora in fase di progettazione e viverlo ancor prima di realizzarlo, visualizzare un interno e provare ad inserirvi un elemento di arredo per verificare quanto si adatti all’ambiente. Tutto questo è possibile grazie alla realtà virtuale, una tecnologia mutuata dai videogame che migliora enormemente la percezione degli spazi rispetto ai rendering fotorealistici, e alla realtà aumentata, che consente di configurare gli ambienti in tempo reale, modificando colori, materiali, luce. Il Tour 2018 offrirà ai progettisti una panoramica sulle nuove tecnologie che consentono di fare finalmente il salto dal digitale al virtuale, ‘immergendosi’ negli ambienti tridimensionali del progetto, e aprirà una finestra sull’architettura immersiva, la nuova frontiera della progettazione architettonica ed ingegneristica che coniuga la realtà virtuale e il processo creativo del progettista consentendogli di progettare direttamente in un ambiente virtuale per verificare immediatamente gli effetti del progetto.

Ristrutturazione, riqualificazione energetica e adeguamento antisismico. Bonus ristrutturazione, Ecobonus e Sismabonus. NTC

Il patrimonio edilizio italiano è in una fase di transizione. Edifici energivori o poco sicuri devono rinnovarsi con interventi di ristrutturazione, miglioramento delle prestazioni energetiche e messa in sicurezza antisismica, anche con il supporto di agevolazioni fiscali.

Ristrutturazione edilizia e Bonus Ristrutturazione

Il Tour 2018 approfondirà le tecnologie e i materiali a disposizione per affrontare gli interventi di ristrutturazione degli edifici. L’obiettivo è orientare le scelte dei progettisti per renderli consapevoli delle potenzialità delle soluzioni presenti sul mercato, al fine di offrire al cliente finale un prodotto sostenibile e sicuro. Sarà illustrata anche la normativa che regola le ristrutturazioni e gli incentivi fiscali a disposizione dei privati. Dal monitoraggio condotto dal Cresme e dalla Camera dei Deputati, emerge che lo scorso anno l’edilizia è stata trainata dalle ristrutturazioni e che la domanda di riqualificazione edilizia continuerà. Per il 2018 sarà dunque prorogato il Bonus Ristrutturazioni, cioè la detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione. Gli italiani vogliono immobili migliori, imprese e progettisti devono cogliere questa sfida proponendo soluzioni efficienti ed efficaci.

Riqualificazione energetica ed Ecobonus

L’Italia ha un alto numero di edifici costruiti tra gli anni Cinquanta e Sessanta con prestazioni energetiche molto basse. E sul mercato un immobile energivoro vale meno di uno efficiente. Per la carenza di fonti di energia fossile e per tagliare i costi delle bollette, l’unica via percorribile è quella dell’efficientamento energetico. I lavori mirano da una parte a consumare meno energia, dall’altra a soddisfare il fabbisogno energetico con fonti rinnovabili. Durante il Tour 2018 saranno presentati i prodotti e le tecnologie tra cui i professionisti possono scegliere per proporre ai committenti interventi mirati. Per sostenere la domanda di lavori, anche per il 2018 saranno prorogati gli incentivi fiscali per la riqualificazione energetica. Dal 2017 per imprese e professionisti si è aperto anche il fronte dei condomìni, cui sono riconosciute detrazioni fiscali più alte per gli interventi di riqualificazione energetica. L’Ecobonus copre anche l’installazione di sistemi domotici. Chi abita l’edificio è diventato infatti più consapevole e tende a voler monitorare i consumi e controllare a distanza gli apparecchi.

Miglioramento/adeguamento antisismico e Sismabonus

L’antisismica è spesso associata agli edifici di nuova costruzione. In Italia ci sono però antichi borghi e immobili storici di inestimabile valore, che è necessario salvaguardare. I terremoti che si sono verificati negli ultimi anni pongono a imprese e progettisti una nuova sfida: proporre l’applicazione di prodotti sugli edifici esistenti in grado di minimizzare i danni delle scosse ed evitare la perdita di vite umane. Lavori di questo tipo, che possono essere molto costosi, dal 2017 sono incentivati con il Sismabonus, una detrazione fiscale variabile dal 50% all’85% in base al miglioramento di classe sismica raggiunto con l’intervento. Per il 2018 il Governo intende investire maggiormente su questa misura. Tutto lascia presupporre che la domanda di lavori di messa in sicurezza antisismica aumenterà.

Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni

Il Tour 2018 offrirà una panoramica approfondita sulla normativa che regola la progettazione degli interventi, tra cui le nuove Norme Tecniche per le Costruzioni – NTC. Per far conoscere più nel dettaglio le potenzialità del Sismabonus, saranno illustrate le Linee guida per la classificazione sismica degli edifici. Dopo la diagnosi sismica, agli edifici è attribuita una classe di rischio. Le classi sono otto, dalla A+ alla G. In base al risultato ottenuto e al contesto in cui si trova l’edificio, il progettista deve proporre un intervento che, per tecnologie e dispositivi da utilizzare, consenta il miglioramento massimo possibile.